Leggere,scrivere,comunicare.
Pensieri e opinioni in questo blog sono esclusivamente personali.
Se vuoi scrivimi oppure mi trovi su Twitter / Faceebook / Se vuoi puoi leggermi anche su " Il Cittadino di Monza e Brianza "

domenica 26 giugno 2016

SONO CONTRO LA BOLKESTEIN

QUEL DITO ALZATO...!
Questa Bolkestein e tutte le sue diramazioni insensate, mi ha stufato. Se fosse per me farei immediatamente un'interpellanza al Parlamento europeo per ridiscuterla. Voi direte che è bello parlare in questo modo dopo la storia dell'Inghilterra, che a conti fatti ha aperto una breccia nel sistema. E sia, accetto anche questo ragionamento. Un'Europa che a livello di Commercio ha deciso una strada libertina e non liberale come avrebbe dovuto. Per accontentare un sistema detto democratico che fa acqua da tutte le parti si è pensato addirittura di mettere a Bando le aziende che sono da decenni di proprietà.


domenica 1 maggio 2016

Lettera aperta ai patrocinatori delle pubblicazioni a cinquanta centesimi

Questa la lettera e le risposte di due direttori dell’Editore Cairo, all’esasperazione di uno dei tanti rivenditori che non sopportano più gli immeritevoli sistemi editoriali.  Direttori a cui rispondo altrettanto sdegnato come il mio collega.

“Leggendo le risposte alla reprimenda dell'edicolante di Jesi, devo osservare che la vostra vita è scandita da tempi e modi ben differenti dal lavoro dell'edicolante, di cui conoscete ben poche gesta. Inoltre il concetto del non mordere la mano che vi sfama, vi aiuta a superare la risposta che dovreste dare cadendo nella banalità dello sbeffeggiamento. Forse non era vostra intenzione, ma qui le cose sono serie. Serissime!


Botta e...nessuna risposta

Un collega mi invia questa e-mail a cui i Direttori rispondono. Traete voi le dovute considerazioni.

Ogg: Enigmistica PIU' non si può vendere così


Buongiorno, sono un edicolante di JESI (AN), mi dispiace, ma devo comunicarLe che la sua rivista ENIGMISTICA PIU’ finirà sotto il banco, non sono avvezzo a vendere riviste sotto costo , sono anni che non tratto più Gioia perché esce a 1€. se non quando a 50 centesimi dichiarandone il valore di €. 1,80.
Ho visto che domani uscirà il secondo numero sempre a 50 cent., e in questi giorni ho visto la pubblicità che state facendo in televisione. Però vi voglio far notare che in edicola siamo già super forniti di enigmistica, puzzle, sudoku, ecc… e che non si sente proprio la mancanza della vostra, oltretutto a prezzo stracciato.

lunedì 25 aprile 2016

Insistete troppo su una strada che non è più maestra

Leggo e ascolto numerosi edicolanti e addetti del settore, arroccarsi come funanboli, nel sostenere tesi che poco hanno a che fare con il futuro che ci attende. Eravamo un numero impressionante di punti vendita e per mille motivi, ci stiamo riducendo in maniera drammatica. Pur essendo sotto l'occhio di tutti, l'impossibilità editoriale e distributiva, di risolvere i problemi del mercato, insistiamo su di un'unico percorso, quello editoriale. Il sistema commercio si sta evolvendo e nessuno di noi riuscirà a sopravvivere in modo equilibrato (entrate e uscite) senza una visione più ampia. 

lunedì 7 marzo 2016

I grandi burattinai dell'informazione

     Tutti raccontano la loro, intanto La Stampa,Repubblica e Il Secolo XIX stanno acquisendo (in termini finanziari e di informazione) il mercato dell'editoria italiana. Sta avvenendo con buona pace di tutti, visto che la notizia sta sfuggendo alle prime pagine di molti quotidiani e in particolare all'oculatissima Antitrust. Se tutto andrà bene il Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore stringeranno anche loro il loro patto finanziario (speriamo!) Si legge che potrebbe scendere in campo qualcuno di Confindustria, per realizzare un altro polo dell'informazione. 
Per vedere qualcosa in questo senso si dovranno attendere un paio di mesi. Volete che gli industriali italiani si facciano sfuggire l'occasione di creare/crearsi un lasciapassare per una cultura opposta? A questo punto mi chiedo come mai non sia venuto in mente a nessuno di acquistare le cartiere italiane e di creare un terzo polo della carta non stampata. Della serie se vuoi la carta per stampare, di qua devi passare. E' un continuo rincorrersi. Tutto per condizionare le menti. E il bello è che ci riescono.

domenica 31 gennaio 2016

Bando Edicole Lombardia, lasciare il vecchio per il nuovo, che comunque avanza

Regione Lombardia ha stanziato un milione di euro. Noi edicolanti li dividiamo con le librerie, anche loro in notevole difficoltà. Non so quanti si stiano muovendo per rilanciare le librerie, ma so che noi in quanto Snag, stiamo facendo di tutto per far percepire ai Rivenditori di quotidiani e periodici la grande occasione che gli viene offerta. 


Abbiamo iniziato il percorso da tempo. Inizialmente abbiamo pensato alla normativa Regionale ricordando attraverso alcuni punti alle Amministrazioni Comunali, che devono fare i piani di vendita e che le autorizzazioni non sono state depennate.


mercoledì 18 novembre 2015

Per il resto "leggievendi" va comunque alla grande,anzi, molto di più.

Non ci ho dormito tutta la notte. Il pensiero era continuo, come una goccia che cade. Infinita. Capire perché centinaia di edicolanti (non mi bastano quelli che ho visto), trascurano un’assemblea pubblica, fino al punto di inviare sms o e-mail di giustificazioni per la non presenza. Cerco di pensare cosa spinga alcuni di noi a fare o non fare determinate cose. Qualcuno mi dice che se non c'è necessità, se non c'è un bisogno impellente, le persone non si muovono. Nel 2017 con i Bandi cambierà il mondo. Cosa fanno , aspettano il 2017 senza la minima preoccupazione? Pare di si.

domenica 4 ottobre 2015

AIUTATECI AD AIUTARVI

Ormai siamo arrivati sull'orlo del  baratro. Riusciamo anche a giustificare o perlomeno a discutere come se fosse un'accadimento di tutti i giorni, di un attacco ad un ospedale nel pieno di una guerra. Pur di non accollarci un problema, in questo caso solo di coscienza, di consapevolezza umana, ci inventiamo scuse del tipo << e cosa vuoi, è la guerra!>>. E così ci avviamo sempre di più, da incoscienti e falsi ingenui, verso la legge del più forte che goccia dopo goccia, ucciderà tutte le nostre energie fino a farci morire. << Tanto cosa possiamo fare?>>

martedì 4 agosto 2015

Edicolanti in vetta allo sconforto commerciale

Il mio punto vendita di Sabato pomeriggio si è svuotato di quell'andare e vieni, che lo caratterizzava nei fine settimana. Il calo è iniziato nel mese di Giugno, aumentando sempre più, fino ad arrivare all'incasso record di otto euro del primo Agosto. Che cosa sta accadendo? Non ve lo so proprio dire, se non attraverso qualche congettura giustificativa, detta più che altro per scaramanzia personale. Domenica 2 Agosto è stato penoso. Ho aperto alle 6.00. Smistato il centinaio (?!) di copie ricevute, spazzato attorno al chiosco e liberatomi dall'acre odore di piscio del solito o dei soliti deficienti della notte, mi sono seduto. La prima anima si è vista alle 7,15, dopo che le campane, avevano rotto un silenzio d'oltretomba. "Mi scusi fa le ricariche"? Me ne fa una da cinque? "Ho un cinquanta da cambiare". A voi lascio la conclusione. 

Braccia Conserte

" Nella mano sinistra i quotidiani compiegati. Serrati in una morsa. L'indice destro penetra il mazzo,il pollice e il medio estraggono la prima copia dal mucchio. Successivamente le copie raccolte, pigiate, solcate dall'andare e vieni della mano,che ne fissa la quadratura vengono esposte. L'una sull'altra. Perfettamente in ordine".
sciare che qualcun altro faccia il lavoro.